Funamboli – la fragilità in scena

A parte concedervi i minuti che servono per vedere questo video che tratta di un progetto teatrale su Ferrara, riguardante malati di patologie neurodegenerative, caregiver e operatori, con il maestro Triatsis, vi chiedo di prestare molta attenzione a quella che, secondo me, è stata una grande scoperta “collaterale” del progetto: qual è il vostro sogno nel cassetto?

 

I presenti non risponderanno mestieri o lavori che non hanno potuto fare, bensì un altro genere di fattori che danno qualità alla vita e di cui non ci occupiamo quasi mai: l’arte, specialmente, e, solo in un caso, le relazioni oltre al “fare quello che ci piace” (in questo caso, spesso, viaggiare). Alcuni hanno poi realizzato quando detto in questo video. Purtroppo ci si rende conto dall’intervista che ci si ritrova a pensare e a desiderare ardentemente tutto quello che abbiamo messo al secondo posto, dopo il lavoro e i dettami della società, quando ormai è tardi.

Ringrazio per questo tutti quelli che hanno lavorato, per loro e non solo, al progetto e spero che sia di spinta per chi ancora, quel cassetto, non l’ha aperto.

 

Glenda Galimberti

Annunci